Natale; regala ligure? Sì.

Natale; regala ligure? Sì.
Anzi, forse no.
Contro la miglior tradizione locale, - ricca di rimandi unificanti fra realistiche vocazioni personali al lavoro, la verità delle cose ed il loro ambiente - la risposta concreta alla domanda del titolo probabilmente non è la prima, categoricamente positiva, ma la seconda, quasi certamente negativa.

Il riferimento va di filato ai messaggi promozionali per gli acquisti natalizi. Fra i mille cartelloni pubblicitari che, affissi lungo le vie della città di Genova o esposti nelle vetrine dei negozi cittadini, ci informano dell'esistenza dei prodotti più prestigiosi o delle offerte più convenienti, non ne ho visto uno che incentivasse apertamente l'acquisto di prodotti regionali, secondo uno spirito di consumo “pensato”.
Certo, lungo le vie dello shopping cittadine ci sono manifesti che invitano il consumatore a porre attenzione alla autenticità ed alla corporeità anche territoriale delle produzioni. Ma non riguardano la Liguria. Per quanto ho potuto constatare si riferiscono alla Sicilia, alla Sardegna ed a vaste aree del Sud. Qualche riferimento rimanda pure al Piemonte ed al Trentino.
Naturalmente può darsi che i Consorzi o le Associazioni dei diversi comparti economici liguri, considerando ovviamente favoriti i prodotti locali sul mercato regionale, abbiano ritenuto di non procedere con un invito esplicito al consumatore. Oppure che abbiano messo in atto tecniche di promozione più articolate che non quelle limitate ad una domanda diretta che ha un po' il sapore di una sfida. Natale; regala ligure?

Può darsi. Come sicuramente esistono molte altre e diverse maniere di organizzare i sistemi di produzione e di vendita. Tuttavia, nel mondo di oggi dove è tanto difficile trovare degli appigli stabili ad un modo comune di stare su uno specifico territorio, si dovrebbero intendere le diverse componenti economiche, produttive, sociali, istituzionali, simboliche, regionali come un insieme omogeneo. Evitando, almeno nei limiti del possibile, che il distacco e la neutralità prendano il sopravvento sulla concretezza e sulla sincerità. Perché sono i valori ed i principi che danno la logica di insieme di una data realtà. In questo senso occuparsi di mercati e di prodotti vuol dire occuparsi del ruolo della cultura all'interno della società.

Allora. Natale; regala ligure?
Sì !

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
termini e condizioni.
  • Nessun commento trovato
-----------------------------

Quota annuale Iscrizione
SOCIO ARGe

©2017 Associazione Repubblica di GENOVA | privacy policy | realizzazione ilpigiamadelgatto