Il chinotto

In seguito ad una pubblicità ho scoperto una tipicità ligure: il chinotto.
Sorpreso ed incuriosito mi sono documentato un po’.

È una pianta originaria della Cina meridionale che un navigatore savonese portò e trapiantò nella nostra Terra intorno al 1500. L’acclimatazione avvenne perfettamente e questo agrume iniziò ad essere coltivato in un territorio attualmente limitato alla Riviera di Ponente tra Varazze e Finale.
I frutti hanno modeste dimensioni, quando sono maturi assumono color arancio intenso ed hanno un tremendo inconveniente : un terribile gusto amaro-acido.
Evidentemente questa caratteristica ne avrebbe decretato l’estinzione ma la Gente della Riviera non si è fatta condizionare ed ha saputo utilizzarlo per farne ottimi prodotti : canditi, liquori, marmellate, mostarde ed una gustosissima bevanda.

Non è una bevanda tanto di moda e non le si addicono tutte quelle belinate di termini in voga per far sembrare migliori le cose ( trendy, smart, cool, ecc.) ma è buona.
Quindi faccio un invito ai nostri Lettori : quando andate al bar o in un negozio invece di ordinare le solite bevande gassate fate prevalere la vostra Ligusticità.

Non fatevi omologare: chiedete il chinotto.

 

Se desiderate documentarvi ulteriormente ecco alcuni siti interessanti:
www.arciconfraternitadelchinotto.org
http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2008/12/02/declinazione-di-chinotto/ www.fondazioneslowfood.com/it/presidi-slow-food/chinotto-di-savona
www.chinottidisensu.com/CHI%20SIAMO.html
www.chinotto.com/spuma/index.htm

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
termini e condizioni.
  • Nessun commento trovato
-----------------------------

Quota annuale Iscrizione
SOCIO ARGe

©2020 Associazione Repubblica di GENOVA | privacy policy | realizzazione ilpigiamadelgatto